Atri, workshop sulle nuove proposte per vivere la Regione: “Abruzzo Attrattivo”

Abruzzo Attrattivo Atri 2016 Def._424x600ATRI – Alla sua II Edizione, torna l’entusiasmante appuntamento alla scoperta delle bellezze paesaggistiche e culturali che la Regione Abruzzo, cuore verde d’Europa non solo di nome ma di fatto, preserva da millenni, proponendosi in chiave innovativa operando attraverso i suoi effettivi potenziali verso un turismo sempre più sostenibile e al contempo “attrattivo”. Nasce così, su iniziativa dell’Oasi WWF “Calanchi di Atri e la nota Soc. Coop. Il Bosso, il Workshop “Abruzzo Attrattivo – Nuove proposte per vivere l’Abruzzo” che si terrà sabato 23 Aprile dalle ore 15.00 – presso l’Auditorium di Sant’Agostino in Atri (Te) – prefiggendosi di far conoscere e promuovere il territorio attraverso attività “esperienziali” rivolgendosi in particolar modo agli Operatori Turistici che, in vista della stagione estiva, possano da questo incontro creare i presupposti per una vera e propria “offerta” aggiuntiva, e un motivo in più per scegliere la meta Abruzzo!

Si entrerà nel vivo dell’incontro con un brainstorming a cura della dott. ssa Rita Salvatore dell’Università di Teramo, che grazie alla propria formazione professionale e notevole esperienza sul campo, darà il via ai lavori affrontando macro-temi generali con spunti per progetti operativi da sviluppare nel territorio; un’interessantissima riflessione sul Turismo Esperienziale come framework strategico per l’innovazione dell’offerta turistica. La scelta di focalizzare gli interventi su alcune delle più entusiasmanti mete e proposte del territorio, è dettata dal necessario bisogno di risposta alla domanda dell’utente, che tende sempre più ad accantonare le mete tradizionali alla ricerca di una vera e propria “esperienza visita” che susciti emozioni nuove, da poter vivere e condividere!
Rivolgersi al “turismo esperienziale” significa proporsi come un viaggio inteso nel senso più profondo, che si basa su un’offerta unica e irripetibile, tagliata sui desideri del singolo viaggiatore, anticipandone le aspettative disattese da altre strutture concorrenti. Dai fattori unici e distintivi di una destinazione turistica, alla creazione di “valore esperienziale”, anche dalle recenti indagini del canale più utilizzato dai viaggiatori – TripAdvisor – emerge che i motivi dello spostamento sono dettati dal confort, dal sentirsi coccolati durante il soggiorno ma, la domanda stimata 9 volte maggiore che spinge al viaggio sono “esperienze uniche ed entusiasmanti”.

E così la sessione si divide in Area – Turismo Ambientale e Culturale nel sistema dei Parchi e delle Riserve – che vede protagonisti i suggestivi Calanchi di Atri, le Oasi del WWF Abruzzo, Lago di Serranella, Cascate del Verde e Gole del Sagittario, entusiasmanti escursioni in canoa sul Tirino, trekking ed esperienze di visita tra monti della Majella e del Gran Sasso, visite speleo nel cuore d’Europa “Grotte di Stiffe”, o nella austera fortezza di Civitella del Tronto, sino ad arrivare al mare con maschera e pinne alla scoperta del porto sommerso nell’Area Marina Protetta “Torre del Cerrano”. L’altra Area tematica si rivolge invece nello specifico all’Ecoturismo e alla splendida unione tra turismo ed enogastronomia – Turismo Enogastronomico, vanto impeccabile di un territorio tra mare e monti caratterizzato da una forte biodiversità, che alternando rispettivamente i sapori tradizionali, danno vita ad una vera e propria “Arte culinaria” talvolta rivisitata in chiave gourmet. Dalla ciclabile che percorre le bellissime Abbazie del Vomano “Valle delle Abbazie”, allietate da tour virtuali, alle pedalate enogastronomiche lungo la valle del Tirino e nell’interessantissima area vestina, con un interessantissimo spazio dedicato ai viaggi su misura con veri e propri tour culinari, l’incontro terminerà con un meritevole “Tasting Time”.
Una piacevole degustazione di eccellenti prodotti locali, dai vini ai prodotti dolciari delle note aziende agricole del territorio, completando un programma di wellness, natura e paesaggio!
Dichiara l’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Atri Domenico Felicione: “Siamo ben lieti di accogliere questa importante iniziativa presso la città di Atri, civitas vetusta che da millenni rende piacevole il soggiorno dei turisti, e che in questa occasione si propone di dare un forte e nuovo stimolo insieme alle ad altre realtà del territorio, per lo sviluppo dell’offerta turistica della Regione”.

Contatti:
Tel. 085.8780088 – 331.5799191 Mail info@riservacalanchidiatri.it

Per ulteriori informazioni visita il Web Site – www.riservacalanchidiatri.it
Follow us Facebook Riserva Naturale Regionale Oasi WWF Calanchi di Atri (official page)
Shared #AbruzzoAttrattivo

L’Amministrazione Pavone vuole subentrare alla Regione nella gestione dello IAT

logo_iat_600x600ROSETO – Nel prossimo Consiglio Comunale si discuterà di un importante atto di indirizzo rappresentato dalle “Linee guida per lo sviluppo turistico di Roseto”, documento fondamentale per questo settore trainante dell’economia rosetana. “Si definiranno infatti delle scelte che saranno alla base delle iniziative future in merito a quella che, ormai, va più compiutamente definita industria dell’ospitalità e dell’accoglienza – sottolinea il primo cittadino rosetano, Enio Pavonescelte da cui prenderà spunto anche il nostro programma amministrativo-elettorale per le prossime elezioni, che avrà come comune denominatore per il futuro della città l’argomento turismo”.

A tal proposito l’Amministrazione Comunale sta per giungere ad un importante risultato per migliorare la dotazione infrastrutturale della città in chiave turistica. Infatti, dopo una serie di colloqui informali avuti con i competenti uffici regionali, il Sindaco di Roseto degli Abruzzi, Enio Pavone, ha inviato formale richiesta per il subentro del Comune nella gestione dell’ufficio IAT che si occupa dell’informazione e dell’accoglienza turistica, ubicato in piazza della Libertà.

In questo senso vi sono stati già diversi incontri con i responsabili regionali ai quali è stata fatta presente la volontà dell’Amministrazione Comunale di subentrare nella gestione dello strategico ufficio rosetano. Alla struttura, per migliorare l’informazione turistica, potranno essere affiancati gli info-point estivi, come già fatto lo scorso anno grazie alla collaborazione tra Comune e l’Istituto “Moretti”.

La gestione diretta dello IAT potrà finalmente permettere l’apertura dell’ufficio in tutti i giorni della settimana, compreso i festivi, in modo da garantire più assistenza ai turisti che oggi sono sempre più esigenti ed attenti alla dotazione di servizi delle città meta di vacanze” conferma il Sindaco di Roseto degli Abruzzi, Enio Pavone. “Anche in questo caso ci si potrà avvalere di giovani studenti che parlano le lingue, con la supervisione degli attuali esperti impiegati dell’ufficio i quali, così come già richiesto dall’Amministrazione, potrebbero transitare tra il personale comunale al momento del subentro del Comune nella gestione dell’ufficio che avrà anche in futuro il marchio IAT”.

Nel corso dell’interlocuzione con la Regione Abruzzo, per volontà del Sindaco Pavone e dell’Amministrazione, si è anche parlato della volontà di ottenere, in favore del Comune di Roseto degli Abruzzi, la volturazione della concessione balneare relativa allo storico Lido “La Lucciola”, che si trova al centro del Lungomare Celommi.

In questo modo quello che era uno dei più importanti riferimenti dell’estate rosetana potrà tornare ad avere un ruolo centrale tra i servizi che possono essere forniti ai turisti, considerando, oltre all’informazione turistica, anche la guardia medica estiva e gli eventi, compresi quelli organizzati dal Comune, che potrebbero avere sede nello stabilimento balneare posizionato al centro del lungomare rosetano” conclude il primo cittadino. In questi giorni il Sindaco Pavone e il Consigliere delegato al turismo Antonio Norante, stanno concordando con i responsabili regionali le modalità per realizzare questi importanti risultati che la gestione diretta del Comune permetterebbe di raggiungere, fornendo una migliore immagine della città e un servizio migliore per turisti e residenti.

 

La Regione per la Chiesa S. Maria della Consolazione di Mutignano

mutignano-14_600x349MUTIGNANO – Due giorni fa,  il Presidente della Giunta Regionale Luciano D’Alfonso ha richiesto ai competenti uffici ministeriali, con lettera ufficiale, il cofinanziamento della ristrutturazione della chiesa di Santa Maria della Consolazione, sita nella frazione di Mutignano del Comune di Pineto.

Secondo lo studio di fattibilità, redatto dall’Architetto Piero Coletti, l’intervento ha un costo complessivo vicino al milione di euro, che dovrebbe essere coperto per un terzo da fondi regionali, per un terzo da fondi ministeriali e per un terzo da fondi privati.

Il passo ufficiale del Governatore segue di pochi giorni un incontro avvenuto presso la sede della Giunta Regionale a Pescara con l’Architetto Coletti, il Consigliere Comunale pinetese Gabriele Martella e il Consigliere Regionale Luciano Monticelli.

La chiesa di Santa Maria della Consolazione risale al XIII Secolo ed è uno dei pochissimi edifici sacri abruzzesi dotati di pianta a croce greca. Secondo alcune fonti, inoltre, avrebbe ospitato una Porta Santa dotata di regolare privilegio di indulgenza plenaria. «Una preziosa testimonianza della cultura e dei valori che hanno guidato i nostri padri e le nostre madri», la definisce il Consigliere Monticelli, «che è nostro dovere custodire per le generazioni future».

Pubblicato il bando regionale per l’agricoltura biologica

Coltivazione di verdura biologica_600x399ROSETO – Il Comune di Roseto degli Abruzzi informa che è stato pubblicato il nuovo bando per l’ Agricoltura Biologica della Regione Abruzzo (http://www.regione.abruzzo.it/agricoltura/psr/index.asp?modello=bandoSing&servizio=LE&stileDiv=sequence&b=avviso356&tom=356). L’intervento, misura 214 azione 2 del Piano di Sviluppo Rurale, è rivolto a tutte le aziende che coltivano o intendono avviare la coltivazione dei propri terreni con i metodi dell’agricoltura biologica.

La scadenza delle domande è prevista per il 15 giugno e l’avvio della produzione biologica deve avvenire prima di quella data per le aziende che intendono iniziare.

Si tratta di una importante opportunità per tutti gli operatori del settore e per i tanti giovani rosetani interessati a lavorare nell’Agricoltura biologica e di qualità – dichiara il Vice-Sindaco ed Assessore all’Agricoltura, Maristella Urbini la nostra Amministrazione continua a puntare su questo settore e, dopo aver organizzato un incontro per presentare il PSR 2014-2020, sta proseguendo a lavorare per portare a Roseto degli Abruzzi dei mercati contadini a km 0 assieme alle associazioni di categoria”.

 

La Regione contribuisce con 230 mila euro per risanare la zona balneare di Villa Ardente

Cleto-Pallini-300x176PINETO – Centocinquanta mila euro per la messa in sicurezza e per il totale rifacimento del muretto della Pineta Catucci caduto a seguito delle recenti mareggiate è quanto ha stabilito la Regione, concedendo a Pineto l’importante contributo. I lavori partiranno a breve, entro il mese di maggio. I lavori consisteranno nella bonifica del muro esistente e nella realizzazione di un nuovo muro con una palizzata profonda otto metri per evitare che in futuro il muro possa nuovamente crollare in caso di forti mareggiate. “Ringraziamo la Regione e l’assessore Donato Di Matteo per l’importante contributo che va a sanare un danno molto grave per il nostro lungomare“, ha dichiarato il vicesindaco Cleto Pallini.

Sempre da parte della Regione è stato concesso un contributo di 80 mila euro per il ripascimento della spiaggia di Villa Ardente, pesantemente logorata dalle mareggiate di marzo. “È cruciale che in quel tratto si intervenga al più presto e comunque prima dell’inizio della stagione estiva – ha proseguito il vicesindaco – Il ripascimento che si andrà a fare sarà il primo di una serie di interventi che per adesso andrà a tamponare un’emergenza assoluta, dopodiché abbiamo ottenuto un’altro intervento molto più importante che siamo convinti avrà carattere strutturale di difesa della costa in quel tratto“.

I.T.E. “Zoli”: giornalisti in erba vincono un concorso regionale

CATRI – Nuovamente protagonisti con i loro lavori i ragazzi dell’Istituto Tecnico Economico “Zoli” di Atri.

Gli studenti si sono distinti al concorso giornalistico “vorrei#unmondosenzaviolenza”, indetto dalla Regione Abruzzo in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti per sensibilizzare sul tema della violenza contro le donne.

Lo scorso 13 marzo, presso la Sala dei Marmi della Provincia di Pescara, sono stati premiati gli articoli di ben 4 alunni (Ilaria Diomede, Martina Savini, Silvia Tondo e Antonio Di Blasio), che si sono distinti  per aver trattato un tema tanto delicato con sensibilità e originalità. I “giornalisti in erba” si sono cimentati in un’intervista immaginaria, un saggio breve, un diario e un articolo di opinione, riflettendo su un problema purtroppo sempre più attuale.

La cerimonia di premiazione è avvenuta al termine di un convegno dedicato al ruolo delle donne nell’editoria, organizzato dall’Assessorato e dalla Commissione Pari Opportunità della Regione Abruzzo con la presenza di personalità di spicco nel mondo del giornalismo.  Tra questi segnaliamo Maria Rita Grieco, Caporedattore del Settore Società del Tg2, e Rodolfo De Laurentiis,  membro del Consiglio di Amministrazione RAI, che hanno analizzato il ruolo delle donne all’interno dei palinsesti sottolineando l’impegno da parte dell’azienda a valorizzare la presenza femminile.

Particolarmente interessante l’intervento dell’ex Direttore ANSA Carlo Gambalonga che, presentando il suo libro “Casa ANSA”, ha ripercorso i 70 anni di vita della prestigiosa agenzia, attraverso le figure di storiche giornaliste. Elisabetta Guidobaldi, Direttrice ANSA di Abruzzo e Molise, ha invece raccontato la sua esperienza di inviata di guerra in Kosovo.

Al termine del dibattito la premiazione dei vincitori del concorso: a consegnare gli attestati l’Assessore regionale alle Pari Opportunità Marinella Sclocco, che ha ricordato ai ragazzi l’importanza della figura femminile nella società e l’impegno da parte della Regione Abruzzo alla sua valorizzazione. Accanto a lei Carlo Gambacorta, che ha omaggiato insegnanti e studenti del suo libro.

Nelle prossime settimane i premiati saranno ospitati presso le redazioni delle principali testate giornalistiche regionali, per vivere in prima persona il mondo dell’editoria.

La Dirigente Scolastica dello “Zoli”, Daniela Magno, ha espresso la propria soddisfazione per un nuovo successo dei ragazzi dell’I.T.E. che, guidati dalle insegnanti Daniela Brigidi e Monica Angelici, referenti per la scuola del “progetto legalità”, continuano a segnalarsi con i loro lavori legati ad importanti tematiche educative.

Pineto, la Regione interviene nella riqualificazione della Madonna della Consolazione

image3_600x448PINETO – La Regione farà la sua parte nel progetto di recupero della chiesa della Madonna della Consolazione di Mutignano. È quanto ha dichiarato il governatore dell’Abruzzo Luciano D’Alfonso, intervenuto venerdì pomeriggio al convegno “Progetto Mutignano – Il recupero della chiesa della Madonna della Consolazione”, organizzato dall’Amministrazione Comunale di Pineto, e al quale sono intervenuti anche il vescovo di Teramo-Atri, Michele Seccia, il deputato Tommaso Ginoble e il consigliere regionale Luciano Monticelli.

Questo è uno di quegli appuntamenti del Mezzogiorno che funziona, dove si va alla ricerca di fondi partendo da progetti concreti e di valore“, ha dichiarato il Governatore, il quale ha anche aggiunto che al progetto di riqualificazione della storica chiesa chiederà l’intervento del Ministero dei Beni Culturali.

Presenti in un auditorium S. Antonio gremito di persone anche il Presidente del Consiglio Comunale di Pineto Ernesto Iezzi e l’assessore al Borgo Antico Gabriele Martella, organizzatori dell’evento, e il sindaco della città Robert Verrocchio.
Il progetto del recupero della chiesa alle porte di Mutignano, oggi in stato di abbandono, è stato presentato dall’architetto trentottenne Piero Coletti, e prevede la riqualificazione dell’edificio risalente al Quattocento attraverso il recupero dell’originario impianto a croce greca e la realizzazione di un sagrato all’ingresso. Un incoraggiamento al progetto è arrivato anche dal vescovo Michele Seccia, che ha messo l’accento sulla necessità di un recupero capace di restituire un’edificio fruibile e capace di essere fruito da tutta la collettività.
Oggi partiamo con una sfida per il rilancio del nostro borgo antico attraverso un progetto di valore – ha dichiarato il sindaco Robert VerrocchioSiamo coscienti delle tante questioni che devono essere affrontate a Mutignano, e crediamo che il primo punto per il suo rilancio sia quello di riscoprire e di far scoprire le bellezze centenarie del borgo, e se vogliamo affrontare questo percorso si ha bisogno di progetti concreti. Oltre a ciò, proprio in questi giorni stiamo studiando una serie di misure che andremo a presentare nelle prossime settimane per incentivare l’economia e la vita sociale del nostro borgo“.
Soddisfazione per il progetto è arrivata anche dal consigliere regionale Luciano Monticelli. “Mutignano ha tutte le carte in regola per diventare un importante attrattiva turistica – ha dichiarato Monticelli – I borghi sono le radici della nostra regione, ed è per questo che mi sto facendo promotore per riproporre una misura che va a finanziare il recupero dei nostri centri storici“.
È stato un appuntamento molto importante per Mutignano – ha dichiarato l’assessore Gabriele MartellaDobbiamo avviare una nuova progettualità per il nostro borgo, e certamente il recupero della chiesa può essere una spinta molto importante, sia da un punto di vista sociale che da un punto di vista turistico“.
Mutignano ha una storia millenaria, ed è anche attraverso progetti di questo genere che abbiamo il dovere di riscoprirla, riqualificarla e valorizzarla – ha dichiarato il presidente del Consiglio Ernesto IezziStiamo parlando di una chiesa a cui, molto probabilmente, era stata concessa anche una bolla per l’indulgenza da parte del Papa, e dunque di un grande pezzo di storia non solo per Pineto, ma per l’intero territorio del Cerrano“.

La Regione apre un tavolo di confronto sul punto nascita di Atri. Coinvolti i Sindaci del Cerrano e Val Fino

ospedale atri san liberatoreATRI – Per elaborare un progetto di sviluppo dell’ospedale S. Liberatore di Atri, la Regione Abruzzo aprirà un tavolo di confronto che vedrà coinvolti anche i sindaci del Cerrano e della Val Fino: questo è quanto emerso nell’incontro che si è svolto sabato pomeriggio a Pescara tra il governatore della Regione Luciano D’Alfonso, il consigliere regionale Luciano Monticelli e i sindaci di Pineto, Atri, Silvi, e Castilenti. Il tavolo tecnico, oltre ai rappresentanti dei comuni e alla Regione, vedrà coinvolti anche le dirigenze del S. Liberatore e della Asl di Teramo.
Soddisfazione è stata espressa dai sindaci, i quali hanno commentato come per la prima volta gli attori del territorio potranno discutere ed intervenire sul futuro strategico del nosocomio di Atri. I sindaci hanno comunque sottolineato al Governatore la loro volontà compatta di impugnare presso il Tar il decreto regionale che potrebbe portare alla chiusura del punto nascita di Atri, reparto, questo, che i primi cittadini hanno definito “molto importante per tutto il territorio”.

Un passo avanti positivo – è stato il commento del sindaco di Atri Gabriele Astolfima ribadisco la mia assoluta contrarietà alla chiusura del punto nascita di Atri, e mi impegnerò ad oppormi in ogni sede opportuna al decreto di chiusura“. “Il punto nascita rimane un reparto cruciale non solo per Atri ma per tutto il territorio del Cerrano ed è nostra intenzione difenderlo – ha dichiarato il sindaco di Pineto Robert VerrocchioA fianco di questo, ritengo molto importante l’idea del Governatore di istituire un tavolo per studiare il rilancio del S. Liberatore, perché sarà la prima volta dopo tanti anni in cui si potrà tornare di progettualità per la sanità del nostro territorio“. “Sono conscio della necessità di razionalizzazione dei costi della Sanità Pubblica – ha dichiarato il Sindaco Francesco Comignanituttavia non sempre tali esigenze si conciliano con le necessità di assistenza dei cittadini del territorio del Cerrano. Confido che il nascente tavolo di confronto tra gli amministratori del territorio, tecnici regionali e ASL possa consentire la sopravvivenza del punto nascita atriano
Sento di poter rappresentare le istanze dell’intero territorio della Val Fino – ha dichiarato il sindaco di Castilenti Alberto Giulianiquando dico che la chiusura del punto nascita di Atri rappresenterebbe un grave problema per la nostra area, a maggior ragione di fronte alla contemporanea chiusura del punto nascita di Penne. Accogliamo comunque con favore l’istituzione del tavolo tecnico, che sarà un momento dove potremo rappresentare le nostre istanze“.

Posso guardare avanti più sereno rispetto a qualche ora fa – ha dichiarato il consigliere regionale Luciano MonticelliÈ partito un dialogo che forse prima non c’era, per costruire un progetto intorno all’ospedale di Atri che vedrà coinvolti il territorio e insieme ai dirigenti tecnici della sanità“.

Sindaco Verrocchio sulla mareggiata: “La Regione mantenga gli impegni”

image1_600x450PINETO – “Chiediamo alla Regione di mantenere gli impegni presi per la spiaggia di Pineto“: sono state queste le parole del Sindaco di Pineto, Robert Verrocchio, dopo la mareggiata che ha quasi cancellato l’arenile nel tratto di Villa Ardente. Le onde spinte da un forte vento da sud, infatti, hanno rimaneggiato la spiaggia andando a lambire gli stabilimenti balneari e il muretto che delimita la Pineta Catucci.

Ringraziamo la Regione che si è impegnata per lavori di ripascimento e per la messa in opera, per la prima volta, di barriere rigide soffolte, come ci ha anche assicurato alcuni giorni fa l’assessore Di Matteo – ha commentato il vicesindaco Cleto PalliniA questo punto gli interventi sono prioritari, irrinunciabili e urgentissimi. Sono certamente misure importanti ma chiediamo alla Regione di intervenire al più presto perché sono a rischio sia la prossima stagione balneare, sia l’incolumità delle strutture. Quel tratto di spiaggia di Pineto sta vivendo una vera e propria emergenza“.

Un grido di allarme che è stato ricalcato anche dal sindaco. “Nell’incontro di novembre, dove erano presenti l’assessore regionale Donato Di Matteo, il dirigente per le Opere Marittime Carlo Visca e il consigliere regionale Luciano Monticelli, sono stati presi impegni importanti per Pineto – ha concluso Verrocchio – Ora dobbiamo correre, e questi impegni devono essere mantenuti al più presto“.

L’Isituto “A.Zoli” al primo posto tra i licei classici abruzzesi

edificioATRIE’ l’istituo “A. Zoli” di Atri al primo posto tra i licei classici abruzzesi:lo dice Eduscopio.it della Fondazione Giovanni Agnelli.

Il prestigioso verdetto è stato accolto con grande soddisfazione da parte del Dirigente scolastico, Daniela Magno, dei docenti e degli alunni. Quest’ultimi, per la verità , non sono rimasti per nulla sorpresi dalla notizia diffusa in tutta l’Italia, essendo a conoscenza che il liceo che  frequentano, è stata la scuola  di studenti diventati, poi, protagonisti illustri della storia civile, letteraria, economica ed artistica dell’Abruzzo: da Claudio Acquaviva, autore della famosa Ratio studiorum, a Melchiorre Delfico e Troiano Odazij, dallo storico Gabriello Cherubini al fratello  Rodolfo, letterato, da Ariodante Mambelli, matematico e maestro di patriottismo amico di Giuseppe Mazzini, a Luigi Sorricchio, autore di una ponderosa storia di Atri,  a Luigi Illuminati, insigne latinista e docente universitario, ecc.

Una scuola, che continua a vederne altrettanti di studenti eccellenti, che si distinguono, all’università, per ingegno ed intelletto, come ha rilevato, d’altra parte, l’indagine conoscitiva, condotta con criteri scientifici dalla citata Fondazione Agnelli, che ha classificato 4000  licei italiani, sulla base dei risultati ottenuti dai diplomati nel primo anno di università.