Dal 4 al 6 settembre prima Festa della Birra a Floriano di Campli

birracampli14CAMPLI – Musica, gastronomia e degustazioni di birre nazionali ed internazionali sono gli ingredienti della nuova iniziativa della Pro loco di Floriano di Campli, organizzata in collaborazione con il Comune e con l’associazione “Floriano Futura”: la prima Festa della Birra, che si svolgerà dal 4 al 6 settembre.

A presentare l’iniziativa sono intervenuti in conferenza stampa al Consorzio BIM il sindaco di Campli, Pietro Quaresimale, e Luigi Pizzuti della Pro loco di Floriano. Gli stand saranno aperti tutte le sere, da giovedì a sabato, a partire dalle ore 19 e sarà possibile gustare un’ampia selezione di birre nazionali ed internazionali, oltre ai prodotti tipici della gastronomia locale. Ogni serata sarà, inoltre, allietata da intrattenimento musicale e balli latino americani. La manifestazione si terrà anche in caso di maltempo, grazie alla tendostruttura allestita dalla Pro loco.

“Un’altra bella iniziativa dell’attivissima Pro loco di Floriano – afferma il sindaco di Campli, Pietro Quaresimalee della locale associazione “Floriano Futura”, che ha il pregio di continuare ad animare la frazione e richiamare visitatori anche nella prima settimana di settembre, contribuendo così ad ampliare l’offerta turistica del nostro territorio, che nella stagione 2014, grazie alle tante manifestazioni culturali, artistiche ed enogastronomiche promosse in stretta collaborazione con le Proloco e il vitale tessuto delle associazioni locali, è stata veramente vasta e differenziata. Ci auguriamo che anche questa prima edizione della Festa della Birra abbia un importante riscontro in termini di presenze”. festa della birra floriano di campli

Campli, 43ma edizione della Sagra della Porchetta: vince Fulvio Pallotta

Fulvio-Pallotta-Miglior-Maestro-Porchettaio-alla-Augusta-Sagra-della-Porchetta-Italica-di-CampliCAMPLI – Si è conclusa con successo la 43° edizione della Sagra della Porchetta di Campli con la premiazione finale che si è tenuta il 24 Agosto in Piazza Vittorio Emanuele II.

La coppa del primo classificato è andata al porchettaio Fulvio Pallotta , seguito da Nicolino Mercuri, mentre il terzo premio è stato assegnato a Salvatore D’Angelo. Al maestro porchettario Viro Galliè è andato il premio speciale della critica, assegnato alla memoria del professor Nicola Biagio Natali, presidente storico della giuria. Il vincitore è stato scelto tra 10 porchettai partecipanti e votato da tre giurie tecniche, composte da enologi, giornalisti, cuochi esperti ed infine da una giuria popolare, scelta a sorte tra i vari candidati.

Il vincitore del Porchetta Contest con 114 condivisioni e 12 mi piace è stato invece il vignettista giuliese Vladimiro Di Stefano (Diste) con una vignetta dal titolo “Una porchetta è per sempre”, che ricalca la famosa pubblicità dei diamanti.

Migliaia di persone hanno invaso il centro del paese svuotando i banconi dei porchettai e grande affluenza è stata registrata anche alla Scala santa e negli altri monumenti rimasti aperti fino a notte fonda.

Musica: torna la Masterclass a Campli e Civitella

20140819_110007CAMPLI – Campli e Civitella borghi diffusi della musica dal 19 agosto al 6 settembre, con la V Masterclass-Progetto IMC, divenuta ormai uno degli appuntamenti più prestigiosi nel panorama nazionale.  Nell’edizione 2014 la Masterclass si svolgerà negli incantevoli borghi di Campli e di Civitella del Tronto, con  la partecipazione dei maggiori interpreti del panorama internazionale di Musica Classica e Jazz. La manifestazione è stata presentata martedì al Consorzio BIM, dal direttore artistico, Giuseppe Scorzelli, il sindaco di Campli, Pietro Quaresimale, e dal vicesindaco di Civitella, Mario Tulini.

“Come sempre suddivisa in due sezioni – spiega il direttore artistico della Manifestazione, il M° Giuseppe Scorzelli – la Masterclass parte oggi, 19 agosto, per terminare il 31 agosto per quanto riguarda il primo periodo, mentre il secondo andrà dal 1° al 6 settembre. Campli si trasformerà in pratica per 15 giorni in un catino culturale d’eccellenza. Quest’anno, inoltre, si unisce al progetto un altro meraviglioso borgo dell’entroterra teramano: Civitella del Tronto, che ospiterà una sessione Jazz dal 2 al 6 Settembre. Oltre 150 giovani artisti ed alcuni tra i concertisti più famosi a livello internazionale giungeranno da tutto il mondo –  quest’anno presente anche una delegazione birmana – e risiederanno a Campli, per migliorare e affinare le proprie conoscenze musicali, attraverso corsi di perfezionamento individuali e di gruppo tenuti da docenti di rilievo internazionale, tra cui Gloria Campaner, Roberto Plano, Massimo Polidori e tanti altri”.

Anche quest’anno prosegue il sodalizio con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, che collaborerà con i migliori allievi della Masterclass – scelti in audizioni pubbliche il 24 agosto, alle ore 21, a Campli – sia direttori d’orchestra, provenienti quest’anno anche dall’America, dal Perù e da tutta Europa, che solisti, per sei giornate di prove intense organizzate in collaborazione con il Conservatorio dell’Aquila.

“Siamo particolarmente orgogliosi di ospitare un progetto di altissimo livello – chiosa il sindaco Pietro Quaresimale –, che pone l’evento alla ribalta come la Masterclass più prestigiosa d’Italia: lo scopo rimane quello  di allargare gli orizzonti di giovani talenti, arricchendo le loro conoscenze ed esperienze, dando loro la possibilità di prendere lezioni da professori di fama internazionale in un contesto davvero suggestivo. Incontri e concerti, infatti, andranno a valorizzare alcuni dei luoghi più suggestivi del nostro territorio, come la Scala Santa, Palazzo Farnese, la Cattedrale di Santa Maria in Platea, piazza Vittorio Emanuele e altri splendidi scorci”.  

“Un’iniziativa – gli fa eco il vicesindaco di Civitella, Mario Tuliniche richiamerà tantissimi visitatori e appassionati e rappresenta  un’evidente opportunità di nuovo slancio per l’offerta culturale e turistica locale”.

I Concerti si terranno il  30 agosto a Campli, il 31 Agosto  a Pizzoli (Aq) e il 1° Settembre a Civitella del Tronto. Il 29 agosto, inoltre, presso il Ridotto del Teatro Comunale de l’Aquila, si terrà il Concerto dei vincitori della Borsa di studio offerta dall’Orchestra Sinfonica Abruzzese. Confermate le prestigiose borse di studio offerte dall’Associazione promotrice, l’Associazione culturale Kymbala, e dalla Sinfonica Abruzzese.  

Tutti gli appuntamenti sono gratuiti.

E’iniziata la 43° edizione della Sagra della Porchetta di Campli

sagra della porchetta campliCAMPLI – Ha preso il via la 43° edizione della Sagra della Porchetta italica di Campli. La cerimonia di apertura si è svolta  in piazza Vittorio Emanuele II alle ore 19.00 alla presenza di  Pietro Quaresimale  Sindaco di Campli, Domenico Chiodi, presidente della Pro Loco Città di Campli , Nicolino Farina, giornalista e storico locale, e numerosi politici e giornalisti locali.

La manifestazione, attiva dal 1964, si svolgerà dal 20 al 24 agosto 2014, con la partecipazione di 10 maestri porchettai locali: Massimo Fagioli di Campli;  Salvatore Di Angelo di Campli; Daniele Bosica di Castellalto; Nicolino Mercurii di Colledara; Luciano Bosica di Teramo; Lucio Di Stefano di Colledara; Fulvio Pallotta di Teramo; Emidio Falasca di Teramo; Viro Galliè di Nereto ed Andrea Foco di Campli.

Lo scorso anno l’evento ha visto la partecipazione di 10 porchettai (vincitore per il 2013  Salvatore Di Angelo) ed ha registrato più di 80.000 presenze e ben 200 porchette servite.

 

Quest’anno il vincitore sarà scelto da giurie costituite in 4 organi diversi, nuovo metodo ideato dal direttivo da 4 anni, si compone  di una giuria di giornalisti esperti di gastronomia, da esperti e noti enologi della regione, da ristoratori e cuochi eccellenze del territorio e da una giuria popolare, volte a  garantire quella qualità che i selezionati maestri porchettai partecipanti alla sagra hanno appreso dalla tradizione camplese. Un modo per far perpetuare la raffinata arte culinaria dei porchettai allfuso raffinato della preparazione locale del prodotto, tutto a vantaggio della qualità del fragrante panino e del palato del consumatore.

L’ultima sera della Sagra inoltre, durante la premiazione, verrà dato un riconoscimento alla signora Paola Bartolacci, figlia del signor Virgilio Bartolacci di Notaresco, vincitore della Sagra nel 1964.

La Pro Loco di Campli ha puntato quest’anno sulla cultura, sulla forte differenziazione dell’offerta

musicale ed ha innovato anche la sua comunicazione tramite un giocoso contest visionabile on line sul profilo Facebook della Pro Loco (https://www.facebook.com/prolococittadicampli).

Obiettivo del contest scegliere i componenti della giuria popolare; basterà scattarsi una foto e mettetela su Facebook con l’ashtag #porchettacampli2014 e vincerà la foto che totalizzerà il maggior numero di mi piace e condivisioni.
Maggiore anche l’attenzione verso il visitatore, infatti all’arrivo delle auto nei diversi parcheggi

gratuiti messi a disposizione sara’ distribuita una brochure con la piantina della manifestazione,

con la quale si potrà scegliere dove acquistare la porchetta, dove sedersi, che musica ascoltare, i

monumenti di Campli da visitare e se effettuare una visita guidata a cura dell’associazione Zefiro.

Durante l’evento sarà possibile inoltre visitare il Museo Archeologico Nazionale di Campli,  direttamente collegato alla vicina necropoli di Campovalano con sepolture dell’età del Ferro e della Romanizzazione (IX-III sec. a.C.).
Ogni sera nelle diverse piazze e location sarà possibile ascoltare buona musica.

Al via la terza edizione della “Sagra del Timballo teramano”

sagra del timballo teramanoCAMPLI – E’ sua maestà il timballo, il re dei piatti della tradizione gastronomica teramana, rigorosamente di scrippelle, l’assoluto protagonista della settimana che si svolge dal 28 luglio al 3 agosto a Floriano di Campli.

Torna in versione ampliata la terza edizione della “Sagra del timballo teramano”, che, oltre all’intramontabile ed elaborato primo piatto nostrano, propone tante altre specialità gastronomiche e prodotti tipici locali, che si potranno gustare presso gli stand aperti ogni sera in piazza Anfiteatro dalle ore 19.30.

“Una manifestazione unica nel suo genere – afferma il sindaco di Campli, Pietro Quaresimale -, nel solco della migliore tradizione enogastronomica locale, che speriamo possa incontrare anche quest’anno il successo di pubblico riscontrato nelle precedenti edizioni, grazie al grande impegno profuso dagli organizzatori, la Proloco di Floriano, e l’associazione culturale Floriano Futura”.

“Oltre al timballo – spiegano Luigi Pizzuti e Vincenzo Franchi della Pro Loco di Floriano -, sarà possibile gustare specialità tipiche come arrosticini, salsicce, braciole di maiale, olive all’ascolana, calzoni, frittelle, patatine e formaggio fritto, piatto di antica tradizione, preparato con il metodo tramandato dalle donne del paese. Sarà allestita una tendostruttura in piazza, quindi la manifestazione si terrà anche in caso di maltempo”.
A fare da contorno alla kermesse gastronomica, poi una serie di eventi collaterali di musica, ballo e cabaret animeranno la frazione della città farnese: tutte le sere musica dal vivo e il 29 luglio, alle 21, concerto in piazza della “Tequila e Montepulciano Band”.

Continua fino al 20 luglio “Sagra&Profano” a Campovalano

Sagra del Tartufo di CampovalanoCAMPLI – Fino al 20 luglio a Campovalano di Campli una settimana all’insegna del gusto e della cultura con la 14^ edizione della manifestazione “Sagra&Profano”. Punta di diamante della manifestazione la rinomata Sagra del Tartufo che alle pendici dei Monti Gemelli cresce in abbondanza e in ogni periodo dell’anno. La fragranza del pregiato tubero a Campovalano si fonde da sempre con la storia millenaria, testimoniata dai resti della Necropoli, con l’arte, il folklore e la cultura popolare. Come ogni anno la kermesse, patrocinata dall’Amministrazione comunale di Campli, si avvale dell’organizzazione dell’associazione culturale “Campovalano Viva”. 
La scelta degli eventi in calendario ripercorre quella degli anni precedenti, ma con alcune variazioni ed arricchimenti. Viene riproposta, per il terzo anno, la Collettiva di pittura contemporanea curata dall’associazione “StarArt”, con esposizione di opere di artisti provenienti da tutta Italia, e degli elaborati di un’estemporanea di pittura. Lungo le vie del borgo antico sarà possibile degustare e acquistare i prodotti tipici locali alla tradizionale mostra-mercato, dove a farla da protagonista sono le inconfondibili proprietà organolettiche del tartufo, ma anche degli oli, dei vini, dei formaggi, miele e salumi. 
Ogni sera ci sarà la possibilità di fare visite guidate alla Necropoli di Campovalano, grazie alla collaborazione del Museo Archeologico e dell’associazione Zefiro. I bus navetta per visitare la Necropoli partono dall’area degli stand dalle 19 in poi, con corsa ogni dieci minuti. 
Tra le novità della 14^ edizione figurano il primo concorso di pittura estemporanea e una suggestiva Mostra di abiti rinascimentali tratti da dipinti di maestri del XV° secolo, intitolata “Dal passato al presente”. Agli stand, inoltre, proporremo agli ospiti ogni giorno della settimana un menù diverso: un vero e proprio viaggio enogastronomico tra le prelibatezze locali, alternando diverse tipologie di pasta fresca e carni, con l’onnipresente tartufo. Oltre agli ormai consolidati tartufini di Campovalano, tra le novità assolute dell’edizione l’ossobuco al tartufo e i sassi pretuziani, arancini al farro con panatura nera. 
Gli stand della Sagra del Tartufo, al coperto, aprono ogni sera alle ore 19.
Il 20 luglio, ultimo giorno della manifestazione, alle ore 17, ci saranno la rituale Gara dei cani da tartufo, che richiama molti concorrenti anche da fuori regione, organizzata in collaborazione con l’Associazione Tartuficoltori Appennino Teramano (A.T.A.T.), e il concorso “Il Tubero d’Oro” con asta finale. 

Torna “Sagra&Profano” a Campovalano

Sagra del Tartufo di CampovalanoCAMPLI – Dal 14 al 20 luglio a Campovalano di Campli una settimana all’insegna del gusto e della cultura con la 14^ edizione della manifestazione “Sagra&Profano”. Punta di diamante della manifestazione la rinomata Sagra del Tartufo che alle pendici dei Monti Gemelli cresce in abbondanza e in ogni periodo dell’anno. La fragranza del pregiato tubero a Campovalano si fonde da sempre con la storia millenaria, testimoniata dai resti della Necropoli, con l’arte, il folklore e la cultura popolare. Come ogni anno la kermesse, patrocinata dall’Amministrazione comunale di Campli, si avvale dell’organizzazione dell’associazione culturale “Campovalano Viva”.

“L’evento – spiega Daniele Barbieri, presidente dell’associazione – rappresenta senz’altro il momento più importante della stagione e va al di là della classica sagra di paese, perché oltre a proporre deliziosi piatti a base di tartufo vuole essere anche un momento di riflessione e riscoperta del patrimonio di tradizioni, saperi e sapori di una volta. Un’iniziativa che la nostra Associazione porta avanti da anni con grande sacrificio, cercando di arricchire ogni edizione con nuove proposte”. La scelta degli eventi in calendario ripercorre quella degli anni precedenti, ma con alcune variazioni ed arricchimenti. Viene riproposta, per il terzo anno, la Collettiva di pittura contemporanea curata dall’associazione “StarArt”, con esposizione di opere di artisti provenienti da tutta Italia, e degli elaborati di un’estemporanea di pittura. Lungo le vie del borgo antico sarà possibile degustare e acquistare i prodotti tipici locali alla tradizionale mostra-mercato, dove a farla da protagonista sono le inconfondibili proprietà organolettiche del tartufo, ma anche degli oli, dei vini, dei formaggi, miele e salumi.
“La manifestazione – afferma il sindaco di Campli, Pietro Quaresimalesi conferma un evento di gastronomia ma anche di indubbio valore culturale, che si avvale di una formula molto apprezzata e consolidata negli anni grazie all’impegno costante dell’associazione “Campovalano Viva”. Un progetto che è moltoMostra di abiti rinascimentali apprezzato dall’Amministrazione, in quanto contribuisce alla promozione del territorio e delle sue eccellenze, contribuendo a far conoscere il valore del prodotto tipico locale e della filiera corta certificata. Inoltre, ogni sera ci sarà la possibilità di fare visite guidate alla Necropoli di Campovalano, grazie alla collaborazione del Museo Archeologico e dell’associazione Zefiro”. I bus navetta per visitare la Necropoli partono dall’area degli stand dalle 19 in poi, con corsa ogni dieci minuti.
“Tra le novità della 14^ edizione – aggiunge il vicepresidente di “Campovalano Viva”, lo chef Davide Cordonifigurano il primo concorso di pittura estemporanea e una suggestiva Mostra di abiti rinascimentali tratti da dipinti di maestri del XV° secolo, intitolata “Dal passato al presente”. Agli stand, inoltre, proporremo agli ospiti ogni giorno della settimana un menù diverso: un vero e proprio viaggio enogastronomico tra le prelibatezze locali, alternando diverse tipologie di pasta fresca e carni, con l’onnipresente tartufo. Oltre agli ormai consolidati tartufini di Campovalano, tra le novità assolute dell’edizione l’ossobuco al tartufo e i sassi pretuziani, arancini al farro con panatura nera. Ci sarà anche un menù vegetariano”.
Gli stand della Sagra del Tartufo, al coperto, aprono ogni sera alle ore 19. Si comincia lunedì 14 luglio, con l’inaugurazione delle tre mostre collaterali in programma: abiti rinascimentali, arte e mostra-mercato del Tartufo e prodotti tipici.
Il 20 luglio, ultimo giorno della manifestazione, alle ore 17, ci saranno la rituale Gara dei cani da tartufo, che richiama molti concorrenti anche da fuori regione, organizzata in collaborazione con l’Associazione Tartuficoltori Appennino Teramano (A.T.A.T.), e il concorso “Il Tubero d’Oro” con asta finale.

“Piccoli archeologi crescono” al via dal 24 giugno

piccoli archeologi cresconoCAMPLI –  “Piccoli archeologi crescono” a Campli. E’ dedicato alla scoperta dell’affascinante lavoro dell’archeologo e del mondo antico in genere il progetto gratuito per bambini dagli 8 agli 11 anni, patrocinato dall’Amministrazione comunale e nato dalla collaborazione tra l’associazione culturale “Zefiro” e il Museo Archeologico Nazionale di Campli, con il contributo del Consorzio BIM Vomano-Tordino di Teramo, Banca dell’Adriatico, Bcc Basciano. L’iniziativa consiste in due cicli di incontri, della durata di 4 ore ciascuno,  fino ad un massimo di 25 partecipanti, che si svolgeranno rispettivamente dal 24 al 26 giugno e dall’1 al 3 luglio, dalle ore 8.30 alle 13, presso il Parco archeologico della Necropoli di Campovalano e il Museo Archeologico.

“Un’iniziativa che ha subito riscontrato l’interesse e il sostegno convinto della nostra Amministrazione – dichiara il sindaco di Campli, Pietro Quaresimale proprio per il suo alto valore educativo e in quanto valido strumento di conoscenza e  valorizzazione di un territorio che esprime una storia millenaria. Da evidenziare che le tante attività messe in campo dalla proficua collaborazione tra il Museo Archeologico e l’associazione Zefiro, tra cui questo corso, perseguono l’encomiabile obiettivo di rendere fruibile ad un vasto pubblico in totale gratuità il patrimonio culturale, storico e archeologico camplese. L’auspicio è che questo ottimo progetto, trovando nuove risorse finanziarie, possa essere implementato, prevedendo nuovi cicli di incontri sia per studenti che per turisti, nella consapevolezza che l’istituzione museale e il parco archeologico costituiscono un polo d’attrazione e un volano strategico per l’economia locale”.

Il corso è articolato in una parte teorico-illustrativa e in una fase pratica, con tre attività distinte, che si svolgeranno sotto la guida di archeologi ed operatori culturali.

Con l’attività “Piccoli archeologi”, ai partecipanti sarà illustrato come si progetta uno scavo, con simulazione dello stesso, e poi visita guidata al sito archeologico della Necropoli Pretuzia di Campovalano. La seconda attività proposta, dal titolo  “Oltre lo scavo”, porterà i ragazzi alla scoperta della fase di catalogazione dei reperti rinvenuti e poi, attraverso la visita al Museo Archeologico, della successiva musealizzazione. Infine, con l’attività “Gli antichi siamo noi”, i partecipanti si cimenteranno nella riproduzione e decorazione di vasi antichi, con l’esperienza “Ceramicando”, e poi con l’attività “Scrittur-a-rte” approfondiranno l’affascinante tema della scrittura nell’antichità e potranno creare tavolette personalizzate con il loro nome.

I professionisti coinvolti sono Alice Angeletti, Gilda Assenti, Francesca Farina e Francesca Matalucci.   Al termine dei corsi si svolgerà un incontro conclusivo presso la Necropoli, con consegna degli attestati ai partecipanti e possibilità per le famiglie di visitare l’area archeologica, visionando manifesti e materiali realizzati durante le attività.

Per info. e iscrizioni: Museo Archeologico tel. 0861.569158; Associazione Zefiro tel. 349.3416708; e-mail: info@zefirocampli.it ; web: www.zefirocampli.it.

11 giugno presentazione del libro “S. Onofrio. I ricordi, la storia”

S. Onofrio. I ricordi, la storia”CAMPLI – Appuntamento al Palazzo Farnese di Campli per mercoledì 11 giugno alle ore 21, dove sarà presentato “S. Onofrio. I ricordi, la storia” di Emidio Tritella. Il libro racconta la storia della frazione più giovane, operosa e grande del Comune di Campli, come fosse un romanzo diviso in capitoli e attraverso le vicissitudini delle famiglie antiche di S. Onofrio. Non mancano citazioni, aneddoti, ricordi e commenti. Il racconto, però, poggia solidamente su una rigorosa ricerca storico- archivistica, che l’autore ha confrontato specularmente con le notizie bibliografiche e la toponomastica antica dei luoghi. “Triangolando” queste notizie e attraverso la profonda conoscenza del territorio, l’autore è riuscito a ricostruire le vicende storiche di S. Onofrio.
Il paese di S. Onofrio è nato spontaneamente con la costruzione della Strada Comunale Obbligatoria “Campli Garrufo di S. Omero”, completata dopo il 1883, poi identificato con l’istituzione dell’Ufficio Postale del 1899, ubicato nei pressi di Prognoli, nella circoscrizione della Parrocchia di Villa Penna, e sviluppatosi nei primi decenni del Novecento grazie soprattutto all’attività della Fornace Carradori.
L’autore, Emidio Tritella è nato a S. Onofrio di Campli nel 1952. Di professione architetto, vive e lavora a Tortoreto.

Alla presentazione interverranno:
NICOLINO FARINA – giornalista
MAURIZIO D’AMARIO – esperto di sviluppo locale
EMIDIO TRITELLA – autore della pubblicazione

Il 30 aprile Nicolino Farina presenterà il racconto “Ritorno a Campli”

ritorno-a-campli-nicolino-farinaMercoledì 30 aprile alle ore 18 sarà presentato al Palazzo Farnese di Campli il racconto breve “Ritorno a Campli”, di Nicolino Farina.

 Interverranno:

LEANDRO DI DONATO – Presidente Istituto Internazionale del Teatro del Mediterraneo – Sezione Italiana
SALVATORE COCCIA – Direttore Responsabile del settimanale “L’Araldo Abruzzese”
GIUSEPPE SCORZELLI – Ufficio Turistico del Comune di Campli (moderatore)
NICOLINO FARINA – Autore<!–more–>

Il racconto “Ritorno a Campli” di Nicolino Farina, si è classificato al secondo posto all’ottava edizione (2013) del Premio nazionale racconto breve “G. Sgattoni” di Garrufo (S. Omero – TE). Il tema del concorso era: “Sulle vie della fede. Racconta la tua storia ambientata nei luoghi dello spirito”.
La piccola pubblicazione, “Ritorno a Campli” di Nicolino Farina, è stata distribuita insieme all’ultimo numero del settimanale “L’Araldo Abruzzese” (n.14 del 20 aprile 2014).

La motivazione del premio così recita:
«Se fosse un quadro il racconto di Nicolino Farina sarebbe un’opera del primo Mafai, la sua Campli ritrovata dopo tanti anni di vita a Milano, è un affresco chiaro, intimo, pastoso. L’autore dipinge i luoghi dell’infanzia con i colori chiari e intensi dei suoi ricordi, in cui i luoghi sacri del Paese emergono dallo sfondo di altri ricordi tratteggiati dalle emozioni del bambino che gioca insieme ai compagni sulle scale della chiesa e dai primi stupori per il mistero che avvicina a Dio, colto nei gesti degli adulti in preghiera. Il ritorno al Paese dell’infanzia è, per l’uomo adulto, il ritorno all’origine della sua formazione spirituale attraverso le immagini luminose che l’hanno generata».

Nicolino Farina nato a Campli nel 1955, iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 2001, da quattro anni lavora presso il Museo Archeologico Nazionale dell’Abruzzo di Chieti – Sezione di Campli. Ha pubblicato diverse pubblicazioni di carattere storico ed etnoantropologico, tra cui: Scala Santa (ed. Arkè, Teramo 2002), Madonne incise. Excursus sull’iconografia popolare mariana (ed. Ass. Campli Nostra, Teramo 2003), San Vito di Valle Castellana (ed. Arkè, Teramo 2004), Campli Città dei Musei (Giservice Editore, Teramo 2009), Cucù antico gioco di carte – Gnaf, Bum e Cacaccio nella tradizione di Campli e Montorio (ed. Campli Nostra Notizie, Teramo 2010), Porchetta Italica di Campli – Excursus letterario sul porco (Giservice Editore, Teramo 2011).

Nell’occasione della presentazione la pubblicazione sarà distribuita gratuitamente ai presenti.