Scerne, Torneo Alessandro Collevecchio tra sport e socializzazione

13487363_10208310979803829_835572892_n_423x600SCERNE di PINETO – La Virtus Scerne 2004 ha organizzato nelle giornate del 12, 18 e 19 giugno scorsi, l’undicesima edizione del Torneo Alessandro Collevecchio, memorial sospeso per qualche anno e tornato alla ribalta proprio nei giorni grazie alla scuola calcio Virtus Scerne 2004 che per Scerne di Pineto è qualcosa di più di una semplice scuola calcio: grazie agli sponsor e al volontariato dei tecnici e dei dirigenti, l’associazione calcistica è infatti gratuita ai ragazzi e questo, in tempi di crisi come quelli attuali, riveste la scuola calcio di una valenza sociale molto importante.

Il torneo è stato suddiviso in tre giornate in base alle fasce d’età: il 12 giugno le gare hanno visto in campo i pulcini, ossia i piccoli calciatori di 9 e 10 anni; il 18 giugno la categoria dei piccoli amici, cioè i ragazzi nati nel 2009 e 2010; infine, il 19 giugno ha visto i piccoli amici del 2008 destreggiarsi nel campo sportivo. L’aspetto esemplare di questo torneo è però che non ci sono stati vincitori per scelta degli organizzatori: “Abbiamo voluto puntare sul divertimento di tutte le squadre e sulla socializzazione dei bambini che grazie al calcio imparano le buone maniere per stare insieme“, ha commentato la società.

Il 12 giugno ha visto inoltre i grandi del pallone a Scerne di Pineto: Bruno Martella del Crotone, premiato anche per aver iniziato la sua avventura calcistica proprio nella scuola calcio di Scerne e Daniele Croce dell’Empoli che la Virtus Scerne 2004 ringrazia insieme all’Associazione Il Gabbiano e all’ASD Scerne 20.14.

Pubblicato da

Martina Franchi

Nata ad Atri il 9 settembre 1989, Martina vive a Pineto. Dopo il diploma di maturità classica, si è iscritta all'Università degli Studi di Teramo dove, nel 2016 si è laureata dottore magistrale in Management e Comunicazione di Impresa. Adora la cucina e il buon vino, la fotografia e la sua famiglia. Le piace scrivere di cronaca ma anche diventare un'esperta di giornalismo enogastronomico, è tra le sue ambizioni. Scrivile una mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Perché?