Pineto, M5S dopo l’ultimo consiglio comunale: “Maggioranza superficiale che deride l’opposizione”

M5S PINETO_600x398PINETO – Il Movimento 5 Stelle Pineto diffonde un comunicato stampa sull’ultimo consiglio comunale, svoltosi lo scorso 29 aprile.

Il 29 aprile si è svolto il Consiglio comunale per l’esame degli atti propedeutici al bilancio, seduta convocata d’urgenza, nonostante la scadenza del 30 aprile fosse cosa risaputa. L’analisi dei punti ha portato necessariamente a discutere su alcune questioni importanti per il nostro paese, come ad esempio il turismo, l’urbanistica, la difesa del territorio”, ha esordito il Movimento 5 Stelle Pineto, che prosegue: “E’ sotto gli occhi di tutti che Pineto negli ultimi 20 anni ha perso molto sotto il profilo turistico, molti alberghi ed attività commerciali hanno definitivamente chiuso ed i flussi turistici sono diminuiti, così come si è ridotto il periodo della stagione turistica. Dalla stazione, andando verso sud, tutti gli alberghi, ed erano i più grandi, hanno abbassato le serrande, creando una ampia zona di vera e propria desolazione“.

Dal punto di vista urbanistico Pineto è peggiorata molto, non è più quella di un tempo, con una cementificazione selvaggia avvenuta in pochissimo tempo e senza un pensiero alla base. Il rischio idrogeologico, tra l’altro, è notevolmente aumentato, proprio per l’uso sbagliato che si è voluto fare del territorio. Vi sono poi le problematiche legate a ciò che avevamo, la pineta litoranea ad esempio, che versa in condizioni pessime e ferita ulteriormente dal taglio dei pini per immaturità ed incapacità di chi ci governa. L’erosione marina, dove lo stesso sindaco ha ammesso con 20 anni di ritardo, di aver capito poco o niente del problema”.

“Vi sono infine le questioni legate alla gestione, come ad esempio il ciclo dei rifiuti, con costi aumentati in maniera ingiustificabile. Eppure si partiva da una Pineto diversa, che aveva le sue peculiarità, con un territorio gestito in modo sapiente, un turismo che funzionava ed era una risorsa per tutti e non solo per pochi addetti. Negli anni gestiti dal centro sinistra, tutto è cambiato ed in modo negativo, tant’è che in questi ultimi due anni, gli unici fatti rilevanti sono l’aumento delle tasse e le feste“.

“Di fronte a questa realtà”, conclude il Movimento 5 Stelle Pineto, “ci si aspetterebbe un atteggiamento critico da parte di chi ci governa, consapevoli che non è facile governare al giorno d’oggi, ma proprio per questo sarebbero necessarie riflessioni più acute, dense di competenze ed esperienze. Invece, nel corso dell’ultimo consiglio comunale, abbiamo assistito ancora una volta, alla superficialità della maggioranza, che ha quasi deriso le osservazioni delle opposizioni, con la consapevolezza di chi rivolge costantemente la sua attenzione non ai problemi del paese ma alle vicende elettoralistiche. Siamo rimasti attoniti nel sapere quali sono le azioni per il turismo, così come lo siamo rimasti nel sentire le cose che si dovrebbero fare come se negli ultimi 20 anni a governare fossero stati altri. Quando l’opposizione ha fatto notare che sono più di 20 anni che governano, hanno preferito ancora una volta deridere le argomentazioni di quest’ultime. Intanto è stata aggiunta una nuova tassa, quella di soggiorno, che produrrà, almeno nelle previsioni 100.000 euro, ossia una inezia rispetto al bilancio del Comune. Eppure, secondo la maggioranza, con questi soldi ridaremo nuova speranza a Pineto”.

Se continuate a crederci, continueranno a raccontarvene altre!!”, dicono rivolgendosi alla cittadinanza pinetese. “La vera questione, posta l’incapacità di costoro, è ragionare sui legami costruiti dal Centrosinistra per conservare la supremazia elettorale. Atteso che la cosa è stata capita, dobbiamo ora solo farla”. 

Pubblicato da

Martina Franchi

Nata ad Atri il 9 settembre 1989, Martina vive a Pineto. Dopo il diploma di maturità classica, si è iscritta all'Università degli Studi di Teramo dove, nel 2016 si è laureata dottore magistrale in Management e Comunicazione di Impresa. Adora la cucina e il buon vino, la fotografia e la sua famiglia. Le piace scrivere di cronaca ma anche diventare un'esperta di giornalismo enogastronomico, è tra le sue ambizioni. Scrivile una mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Perché?