Pensieri nel tempo, il nuovo libro di William Di Marco

La presentazione del volume avverrà il giovedì 24 novembre 2016 alle ore 17:00, presso il salone del Centro Piamarta del S. Cuore di Roseto. L’introduzione  sarà curata da Mario Giunco e la presentazione da Martina Bidetta

Riportiamo parte della nota introduttiva scritta dall’editore.

«Questa raccolta di riflessioni sotto forma di articoli nasce sulla spinta di un altro libro (con la stessa struttura organizzativa) che ha riscosso un importante successo di critica. Il precedente Scritti (2007-2011) di William Di Marco, edito sempre dalla nostra casa editrice (Castelli, Verdone Editore, 2014) ha ottenuto una menzione d’onore nell’edizione nazionale 2015 del “Premio di Saggistica Città di Roseto” con la seguente motivazione: Il volume raccoglie alcuni articoli di William Di Marco, docente di materie letterarie nelle Scuole Superiori e docente-assistente in Storia contemporanea all’Università D’Annunzio di Chieti, apparsi su una rivista ad ampia diffusione, “Eidos”, e su una pubblicazione di approfondimenti culturali e analisi storica, “Chorus”. Sono brevi saggi, che trattano di diversi argomenti, dalla storia alla letteratura, dal turismo al territorio, dalla sociologia all’urbanistica, alla politica e alla cronaca. Le riflessioni, riunite in maniera organica e corredate da indici per argomenti e per cronologia, sono state utilizzate per analisi in ambito scolastico o per dibattiti in incontri culturali, anche in sede universitaria. “Si potrà ripercorrere – scrive Di Marco nella prefazione –  la nostra storia e si avrà l’opportunità di soffermarsi su alcune considerazioni dell’autore, che sicuramente possono portare ad aprire un fronte dialettico. Non è una questione di condivisione o meno dei vari punti di vista, quanto la possibilità di intelaiare una riflessione a più ampio spettro, in cui il confronto dei concetti possa solo portare a una finale considerazione: cercare in tutti i modi di far circolare le idee, unico metodo collaudato per rafforzare la democrazia, aumentare i campi della libertà e far trionfare la logica costruttiva, quella che può dare il senso alla nostra contemporaneità di uomini, spesso scollegati dal nostro presente”. Infatti la struttura del “saggio breve” permette all’autore di illustrare  in maniera sintetica, ma sempre esaustiva, gli argomenti in discussione, giungendo ad una sintesi, che si presta ad ulteriori sviluppi.

Per tali motivi, ci è parso logico e giusto continuare su questo filone di raccolta di diversi “pensieri” dell’autore, anche questa volta sotto forma di “saggio breve”, nella cui struttura si possono intravedere spesso le due argomentazioni principali e contrapposte della tesi e dell’antitesi, in modo tale che i vari articoli si muovano in un concepimento allargato di riflessione e possano essere presi come spunto logico per approfondimenti di varia natura. In questa dinamica di giustapposizioni di tesi contrastanti nasce anche l’ossatura didattica dell’autore, docente di materie letterarie negli Istituti Superiori e di Storia Contemporanea presso la facoltà di Sociologia e Criminologia dell’Università di Chieti. Traspare, come si evince dall’impostazione generale, la volontà di rendere le varie articolazioni delle analisi poste in essere più fruibili a un pubblico eterogeneo, ma soprattutto ai giovani, con cui spesso l’autore si confronta nel corso delle sue lezioni. Pertanto è importante tenere in considerazione l’aspetto divulgativo degli articoli».019-pensieri-nel-tempo-2012-2014

Magdi Crisitano Allam Al Moretti di Roseto l’11 ottobre 2016

io-e-oriana

Magdi Cristiano Allam l’11 ottobre sarà all’Istituto Moretti di Roseto

 

Due saranno gli incontri che lo scrittore terrà. La mattina con gli studenti e nel pomeriggio, alle ore 16:00, con i docenti e con il pubblico

 

È un bel colpo messo a segno dalla scuola rosetana che martedì 11 ottobre ospiterà uno degli scrittori più seguiti nel panorama librario italiano. Le posizioni di Allam sono note ai più, con una critica molto marcata su alcuni aspetti del mondo musulmano e soprattutto sulla deriva nichilista e laicista di tutto l’Occidente e in particolare dell’Italia. L’occasione, all’autore di molti best seller, di partecipare a due incontri al Moretti di Roseto è data dall’uscita dell’ultimo suo libro, Io e Oriana, in cui lo studioso ripercorre il rapporto che ha avuto nel tempo con la grande giornalista-scrittrice fiorentina, trapiantata negli ultimi anni della sua vita a New York. Magdi Crisiano Allam avrà due incontri nell’istituto rosetano. Il primo alle ore 11:00, in cui dialogherà con gli studenti, e il secondo alle ore 16:00 in cui parlerà a tutti coloro che vorrano partecipare. Il luogo deputato per le conferenze è l’aula magna della scuola di Voltarrosto. Magdi Crisciano Allam è già stato a Roseto, ospite tre anni fa della “Settimana della Fratellanza”.

Note biografiche

Magdi Cristiano Allam è nato al Cairo nel 1952 ed è cittadino italiano dal 1986. Da musulmano per 56 anni ha creduto in un “islam moderato”, fino a quando non è stato condannato a morte sia dai terroristi islamici sia dai sedicenti “musulmani moderati”. Nel 2008 ha ricevuto il battesimo da Papa Benedetto XVI. Nel 2013 si è dissociato dalla Chiesa di Papa Francesco per la sua legittimazione dell’islam e per la promozione dell’accoglienza dei clandestini che sono prevalentemente islamici. È stato il primo giornalista a subire un procedimento disciplinare per “islamofobia” da parte dell’Ordine Nazione dei Giornalisti e a vincerlo, facendo trionfare il principio che è lecito criticare l’islam. Ha denunciato il “Jihad by Court”, la Guerra santa islamica attraverso i tribunali, una persecuzione giudiziaria che subisce per impedirgli di scrivere e di parlare contro l’islam. Tiene conferenze, ha scritto 14 libri su islam e immigrazione, è editorialista del Giornale. Ha fondato l’Associazione “Amici di Magdi Cristiano Allam” (www.amicimca.it) per diffondere informazione corretta, riscattare la certezza e l’orgoglio di chi siamo, tornare a essere pienamente noi stessi dentro casa nostra.

 

Sinossi del nuovo libro “Io e Oriana”

Io e Oriana. Un rapporto paragonabile a un amore che è esploso all’improvviso, che ha subito coinvolto intensamente la totalità del nostro essere persone sul piano intellettuale ed affettivo, che è sembrato così veritiero da concepirci un tutt’uno sul piano spirituale al punto che lei mi aveva designato come suo unico erede spirituale: “Più ti leggo, più ci penso, più concludo che sei l’unico su cui dall’alto dei cieli o meglio dai gironi dell’inferno potrò contare. (Bada che t’infliggo una grossa responsabilità)”. Un rapporto che è stato a un passo dall’esprimere il meglio di noi stessi traducendosi in un’opera comune, il libro “Magdi Allam intervista Oriana Fallaci”, effettivamente scritto ma non pubblicato, che avrebbe potuto essere il capolavoro della nostra vita.

A dieci anni dalla morte di Oriana sento il dovere di raccontare un’esperienza estremamente significativa della mia vita che, da un lato, mi ha donato una straordinaria soddisfazione intellettuale e interiore, dall’altro è stata un fattore vitale per la rivisitazione delle mie scelte di fondo, culminando nell’adesione alle idee di Oriana. Ancor prima della sua morte il 15 marzo del 2006 presi atto che Oriana aveva ragione nel considerare i terroristi islamici la vera rappresentazione dell’islam e nel condannare anche i sedicenti “musulmani moderati” che ci impongono la legittimazione dell’islam come religione e la costruzione delle moschee. Quando nella notte della Veglia Pasquale il 22 marzo 2008 decisi di abiurare l’islam e di convertirmi al cristianesimo, compresi che Oriana aveva ragione nell’indicare specificatamente l’islam come la radice del Male.

Noi tutti oggi, volenti o nolenti, siamo debitori a Oriana. Lei è stata indubbiamente la voce che più di altre ha saputo scuotere le nostre coscienze, ha saputo costringerci a guardare in faccia alla realtà della guerra scatenata dal terrorismo islamico nel nome dell’islam. Noi tutti abbiamo il dovere di dire: “Grazie Oriana”.

XX Edizione “La Cultura in cammino” con il dott. Angelo Cioci

il-dott-angelo-cioci

XX Edizione “La Cultura in cammino”

“Problemi di comportamento e apprendimento

nei bambini e negli adolescenti” con il dott. Angelo Cioci

 

La serie di incontri e approfondimenti culturali dedicata ai giovani e a tutti gli appassionati riprenderà lunedì 10 ottobre 2016 [ore 16:30 per studenti e docenti sul tema “Problemi di comportamento in età evolutiva (attenzione, memoria, iperattività, tratti di autismo infantile)”; ore 20:30 per i genitori “Problemi di comportamento in età scolare”] presso la sala riunioni della Scuola Primaria “G. D’Annunzio” di Roseto degli Abruzzi (stesso luogo anche per le altre date). Il tema della sezione autunnale de “La Cultura in cammino”, giunta alla XX edizione, sarà imperniato su “Problemi di comportamento e apprendimento nei bambini e negli adolescenti”, argomento sempre molto importante per comprendere le fasi educative di alunni e studenti. Al primo appuntamento parteciperà il dott. Angelo Cioci, specialista in Clinica Pediatrica, Psicologia Medica e Pediatria Preventiva. La sua esperienza sarà importante per approfondire aspetti dell’età evolutiva, sia per il ruolo che lo studioso svolge a Bologna, in collaborazione con la locale università, sia per la lunga esperienza di pediatra.

Le altre date sono: lunedì 17 ottobre 2016 con la psicologa dott.ssa Nicoletta Maggitti (sul tema Integrazione e inclusione: le esperienze sul campo nelle scuole del territorio”) e il 13 dicembre di nuovo con il dott. Angelo Cioci che parlerà di “Problemi di apprendimento (Dislessia, Disgrafia, Balbuzie)”.

 

Questi appuntamenti hanno lo scopo – sottolineano i responsabili della Cerchi Concentrici Promotor – di porre in modo semplice problematiche complesse all’attenzione di studenti ed esperti, in modo che si possa fare chiarezza su molti luoghi comuni che già nella prima fase educativa etichettano i bambini in modo errato e spesso forviante. L’ausilio di esperti, come il dott. Cioci, darà la possibilità a molti di riflettere su tematiche sempre attuali e importanti.

Dimarcolor Color People Festival, IV edizione (venerdì 5 agosto 2016 ore 21, lido La Lucciola)

074 - Color People IV - 2016

L’ultima rassegna del calendario estivo dell’associazione culturale Cerchi Concentrici Promotor è fissata per venerdì 5 agosto 2016, dalle ore 21 in poi, davanti al Lido La Lucciola (lungomare centrale di Roseto degli Abruzzi. Spazio alla IV edizione del “Dimarcolor Color People Festival – Colori e musica degli anni ’60 e oltre”. All’interno della manifestazione ci sarà uno spazio per un concorso di pittura creativa dedicato ai bambini dal titolo “Gioca con i colori del festival”, curato dai responsabili del rapporto con le scuole del Gruppo Caparol, la dott.ssa Sabina Angelelli e Michele Di Lella. A suonare quest’anno saranno i Radio Vintage, con l’ospite speciale che si è esibito nel programma Mediaset “Tu si que vales”, il chitarrista Antonio Di Gabriele.

“Incontri letterari” con la prof.ssa Manuela Racci (27-28 luglio, ore 21)

L’appuntamento (lido La Vela di Roseto)073 - Incontri letterari III Edizione è giunto alla terza edizione e vede ancora come protagonista assoluta la professoressa Manuela Racci, docente di Lettere a Forlì e di Biblioterapia presso l’Accademia Opera a Roma. La serata di mercoledì 27 luglio, ore 21:00, sarà dedicata a uno dei libri più attesi in campo editoriale, vale a dire il nuovo volume Caro amore ti scrivo… (Bologna, Minerva Edizioni, 2016) della stessa Racci. Da Foscolo a Carducci, da D’Annunzio a Dino Campana, a tanti altri grandi intellettuali italiani, la professoressa forlivese raccoglie le loro lettere d’amore per intraprendere un viaggio dentro il pianeta del più alto sentimento. Se è vero che la letteratura è per tutti e anche vero che parla al cuore di chi sa ascoltare.

Giovedì 28 luglio, stessa ora, si parlerà del massimo autore abruzzese. Manuela Racci farà un omaggio alla terra che la ospita, a cui è legatissima e in cui ha tantissimi ammiratori, affrontando il tema L’ombra della Bellezza: D‘Annunzio e l’inaspettata malinconia notturna. La relatrice darà una sua chiave di lettura di uno degli artisti che più hanno segnato il ‘900 letterario. Appuntamenti veramente da non perdere. Entrambi gli eventi sono organizzati dall’associazione culturale Cerchi Concentrici Promotor.

Libri d’estate: “Storia del calcio a Roseto” di Camillo Cerasi (lunedì 25 luglio 2016, ore 21)

Lunedì 25 luglio, alle ore 21:00 presso il Lido La Vela, ci sarà la presentazione del libro di Camillo Cerasi Storia del calcio a Roseto. In verità la pubblicazione già è stata illustrata quest’inverno al Palazzo del Mare, ma nell’occasione molte persone rimasero fuori dalla struttura, risultata piccola per ospitare i tanti appassionati. Questa volta all’aperto ci sarà la possibilità di seguire meglio questo excursus storico su una delle discipline più amate dai Rosetani e che tante soddisfazioni ha dato in termini di risultati. Oltre a ripercorrere le tappe fondamentali di 95 anni di vita della Rosetana Calcio, diviso per decadi a iniziare dagli anni ’20 del Novecento, Cerasi si è soffermato su altre sezioni dedicate ai campioni del passato e ai tanti atleti che da Roseto sono approdati in serie A o alle massime competizioni nazionali. Durante la serata sarà proiettato su un maxi schermo anche un video con molte delle fasi salienti del calcio nostrano, compresa la partita mitica dello spareggio del 3 giugno 1973 tra la Rosetana e l’Atessa. Lunedì 25, per l’occasione, saranno presenti i giocatori (di entrambe le squadre) di quella sfida, che vide sugli spalti dello stadio Adriatico di Pescara 8.000 tifosi biancazzurri.072 - Storia del calcio

Festival di Storia con Franco Cardini e sui totalitarismi

071 - Narrazione della storia 2016

La storia affascina a qualunque età. È vero che a livello scolastico non attrae più di tanto. Anzi, da una statistica sulle materie meno amate la Storia si piazza ai primi posti. Come mai? Perché sui manuali i nomi si susseguono alle date, i papi ai re, gli imperatori alle guerre e i tante informazioni spesso confondono lo studente. Poi nel tempo questo percorso affascina l’adulto, perché sa metabolizzare meglio la periodizzazione ed è dotato di una capacità di astrazione più spiccata.

Date queste premesse, l’associazione Cerchi Concentrici Promotor anche quest’anno ha allestito un cartellone di iniziative culturali di grande interesse. Si inizierà proprio con il festival in oggetto, il cui nome esatto è “Narrazione della Storia – L’affascinante racconto dei fatti storici”. L’ambientazione è sulla spiaggia del lido La Vela.

La manifestazione inizierà lunedì 18 luglio alle ore 21:00 con un ospite d’eccezione, Franco Cardini, Professore Emerito presso l’Istituto Italiano di Scienze Umane della Scuola Normale Superiore di Pisa, il quale presenterà il suo nuovo libro Il califfato e l’Europa – Dalle crociate all’ISIS: mille anni di paci e guerre, scambi, alleanze e massacri, (Torino, Utet, 2016). Con questo volume l’insigne studioso ha ottenuto il primo posto al “Premio di Saggistica Città delle Rose” proprio nello scorso mese di maggio. Il giorno dopo, martedì 19 luglio, allo stessa ora, si parlerà di Totalitarismi e comunicazione – I caratteri comuni dei regimi che hanno oscurato il XX secolo. Il relatore sarà William Di Marco, docente di Storia Contemporanea presso il “Moretti” di Roseto e l’Università “D’Annunzio” di Chieti.

Programmazione estiva dell’associazione culturale Cerchi Concentrici Promotor: Storia, letteratura, libri e tanta musica

070 - Programmaz. estiva 2016

Siamo già entrati nella bella stagione, quella che vede tantissime persone riversarsi sul lungomare di Roseto, provenienti dalle varie regioni italiane, dall’estero e dalle zone limitrofe. Aspettando le informazioni dettagliate sulle tante iniziative dell'”Estate rosetana”, l’associazione culturale Cerchi Concentrici Promotor ha messo in cantiere alcune serate improntate su approfondimenti di spessore, in cui risalti un unico intento: cercare di veicolare i vari temi trattati nel modo più semplice e discorsivo, tenendo sempre in mente la divulgazione del sapere aperta a tutti.

Si inizierà il 18 e 19 luglio presso il Lido La Vela per una nuova iniziativa, la I edizione della Narrazione della Storia, con un sottotitolo che spiega molto: “L’affascinante racconto dei fatti storici”. Nella prima sera (lunedì 18 luglio, ore 21,00) sarà presente il noto studioso, scrittore e professore emerito presso l’Istituto Italiano di Scienze Umane della Scuola Normale Superiore di Pisa, Franco Cardini, vincitore dell’ultimo Premio di Saggistica “Città di Roseto”, il quale presenterà il libro “Il califfato e l’Europa – Dalle crociate all’Isis: mille anni di paci e guerre, scambi, alleanze e massacri” (Torino, Utet, 2016). Il giorno dopo (martedì 19 luglio, ore 21) ci sarà l’intervento di William Di Marco, docente di Storia Contemporanea, che parlerà di “Totalitarismi e comunicazione – I caratteri comuni dei regimi che hanno oscurato il XX secolo”.

La seconda rassegna è dedicata a Libri d’estate, sempre al Lido La Vela. Il 25 luglio, ore 21, verrà ri-presentato il lavoro di Camillo Cerasi “Storia del calcio a Roseto (1920-2015), con un’appendice molto interessante: la proiezione di un filmato sulla storia del calcio locale.

Il terzo appuntamento (Lido La Vela) sarà imperniato su Incontri Letterari. L’evento, giunto alla III edizione, è molto atteso dagli appassionati di letteratura. Anche quest’anno gli occhi saranno puntati su una professoressa amatissima da queste parti, Manuela Racci, docente di Lettere e Biblioterapia. Nella prima serata (mercoledì 27 luglio, ore 21) la studiosa di Forlì presenterà l’ultimo suo volume “Caro amore ti scrivo…” (Bologna, Minerva Edizioni, 2016), mentre il giorno dopo (giovedì 28 luglio, ore 21) la Racci si soffermerà su un grande nostro corregionale: “L’ombra della Bellezza: D’Annunzio e l’inaspettata malinconia notturna”.

L’ultima rassegna è per venerdì 5 agosto, ore 21 (davanti al Lido La Lucciola). Spazio alla IV edizione del “Dimarcolor Color People Festival – Colori e musica degli anni ’60 e oltre”. A suonare quest’anno saranno i Radio Vintage, con l’ospite speciale Antonio Di Gabriele. Per informazioni: cerchiconcentrici@email.it.

Pineto, un tuffo in mare e poi la tragedia. Annega bimba di 6 anni

Spiaggia_mare_mosso_600x450PINETO – N.T. aveva sei anni, era originaria di Udine ed era a Pineto con la sua famiglia per trascorrere le tanto attese vacanze estive. Oggi pomeriggio si trovava in spiaggia, tra gli stabilimenti balneari Eucaliptus da Cilli e La Torre quando, poco dopo le 17, la mamma ha perso le sue tracce: la piccola si era allontanata dall’ombrellone e la sua mamma si è messa a cercarla con l’aiuto dei bagnini e l’annuncio dallo stabilimento.

Nessuna bambina scorrazzava da sola sulla battigia, nessuna piangeva perchè allontanatasi dai genitori.

Attimi di panico quindi, finchè, un uomo che passeggiava sulla riva, non ha notato un corpo galleggiare in acqua e l’ha tirato fuori: purtroppo quel corpo era della piccola.

Immediata la rianimazione da parte del bagnino che, prima dell’arrivo della Croce Rossa venuta dalla vicinissima sede di Silvi, ha provato a farle un massaggio cardiaco: tentativi vani, perchè la bimba era già morta.

Questa è solo la ricostruzione di un tragico pomeriggio i cui attimi si sono susseguiti in un batter d’occhio e che la Polizia Municipale del Cerrano, insieme ai militari della Guardia Costiera, stanno tentando di ricostruire.

Roseto, muore il conosciutissimo Biagio Del Cane

luttoROSETO – Dall’entusiasmo della campagna elettorale a sostegno dell’ex sindaco Enio Pavone, ai tristi messaggi sul profilo Facebook di Biagio Del Cane per la sua improvvisa scomparsa. Avrebbe avuto un infarto nel corso della notte appena trascorsa il gigante buono: Biagio, 39 anni, infatti, era un ragazzo molto conosciuto e benvoluto da tutti a Roseto, buttafuori di professione, grande sostenitore del Roseto Sharks e della politica locale, come già anticipato, militava nelle file di Enio Pavone che simpatizzava.

Notizia triste quindi stamattina al risveglio di quanti lo conoscevano ed amavano, perché Biagio era amico di tutti.