PRIMA FATICA DISCOGRAFICA PER I CLOWNS FROM OTHER SPACE. INTERVISTA

clownsZeng“, prima fatica discografica dei Clowns From Other Space è un disco dal suono ben definito ma non collocabile in un genere preciso. Li abbiamo intervistati.

 

D: Ciao ragazzi, il vostro “Zeng” è un lavoro in inglese, cosa vi spinge a mettere da parte la vostra lingua?

R: La scelta dell’inglese è ideale alle nostre esigenze. Siamo ispirati dalla musica inglese ed il nostro “suono” risulterebbe innaturale se le liriche fossero in italiano. Con questo non vogliamo denigrare l’ottima musica italiana che amiamo ascoltare, dal Battiato di “Fetus” per arrivare a parte dell’attuale scena indipendente, passando per tutti i grandissimi cantautori.

D: Ascoltando il vostro lavoro ho notato che è effettivamente difficile definirvi in un genere, non pensate possa risultare un’arma a doppio taglio?

R: Non facciamo di questi calcoli. Il nostro approccio alla composizione dei brani è molto più semplice e “selvaggio” di quanto si possa credere. Ci lasciamo coinvolgere dal momento, dalla singola nota; un nostro brano ha bisogno di mezz’ora per essere realizzato e di sei mesi per essere finalizzato. Una nostra canzone è la fusione fra istinto e ragione.

D: Nel vostro lavoro è evidente la ricerca del suono, che si evolve in maniera elastica nel corso del disco; quanto conta per voi la ricerca del suono?

R: La ricerca del suono è per noi fondamentale. Nel disco sono stati utilizzati cinque rullanti diversi, almeno quattro amplificatori per chitarra e moltissima altra strumentazione. In fase di missaggio e mastering abbiamo provato diverse soluzioni, che ci hanno consegnato almeno dieci versioni di ogni canzone. Fortunatamente abbiamo trovato nella nostra strada l’amicizia e l’incredibile professionalità del nostro fonico, Stefano Lelii.

D: Anche l’artwork si fa notare. Sia la copertina che il booklet sono molto particolari…

R: Riteniamo l’artwork parte fondamentale di un lavoro discografico. Per la realizzazione ci siamo affidati a Jessica Di Martino, giovanissima artista, che ci ha consegnato un lavoro che riesce a “mostrare” le intenzioni della nostra musica. Volevamo creare qualcosa di diverso al classico booklet.

D: Quanto è difficile emergere nel mondo della musica inedita?

R: Le difficoltà sono molteplici, l’ascoltatore medio ha paura ad approcciarsi a qualcosa di nuovo, non è abituato. Di certo non aiuta la gestione o meglio, l’ostruzione, politico/istituzionale nei confronti delle pochissime iniziative che provano a garantire lo sviluppo culturale e sociale. Le tribute band richiamano un pubblico maggiore rispetto alle formazioni come la nostra, e quindi nel privato dominano la musica live. Nella sola provincia di Teramo ci sono almeno una cinquantina di gruppi che si impegnano nella composizione di brani inediti. Ma è una sorta di mondo sommerso, che trova reale espressione in pochissime realtà.

D: Ogni gruppo ha, all’interno del CD, un brano che per qualche motivo risulta esser
e il preferito, qual è il vostro?

R: Domanda difficile. Siamo in cinque. In linea di massima possiamo fare due nomi: Wall Of Tzu e How To Become A Fool (cliccare QUI per scaricare il brano su Rockit). Ci piacciono perché sono due canzoni in costante evoluzione e dicono molto anche sul percorso che ci ha portato a realizzare il disco.

D: Dove possiamo ascoltare o acquistare il vostro “Zeng”?

R: Contattateci su Facebook per la versione fisica del disco. La versione del CD sarà disponibile a giorni in tutti gli store e i servizi di streaming on line.

D: Dove si svolgerà il vostro prossimo live?

R: Il prossimo concerto ci sarà il ventotto Novembre a La Nuova Direzione di Cellino Attanasio. Vi aspettiamo in molti. Seguiteci su Facebook per essere aggiornati sui nostri movimenti.

 

I Clowns From Other Space sono: Cesare Di Flaviano, Stefano Castellano, Federico Camillini, Matteo Sulpizi, Lorenzo Di Carlantonio.

Pagina Facebook della band.

Qui il primo singolo della band: Eze’s Story.

Qui il secondo singolo della band: Walled World.

clowns from other space
L’ALBUM” ZENG”

Il 22 ottobre 2015 parte la XVIII Edizione “La Cultura in cammino”

CMYK base

XVIII Edizione “La Cultura in cammino”

Esperienze musicali. Dalla cantina al conservatorio

Giovedì 22 ottobre 2015 alle ore 17:00 inizierà la XVIII edizione de “La Cultura in cammino”. La manifestazione è organizzata dall’associazione culturale Cerchi Concentrici Promotor ed è un momento di confronto e di dibattito su temi legati all’attualità e alle problematiche giovanili, grazie alla presenta di tanti studenti delle Scuole Superiori e universitari. L’evento si svolgerà presso la sala conferenza del “Centro Piamarta” del S. Cuore di Roseto e verterà sul tema: “Esperienze musicali. Dalla cantina al conservatorio”, coinvolgendo personaggi locali che hanno da sempre avuto la passione per le sette note e che poi nella vita o hanno continuato su questa strada a livello professionale oppure si sono dedicati ad altro, non perdendo mai questa forte passione. Il primo appuntamento, quello per l’appunto del 22 ottobre, vedrà impegnato

Pino Vallese (Fondatore del gruppo I Masters)

Con il tema

La mia banda suona il rock

Seguiranno prima giovedì 29 ottobre Silvio Brocco (che parlerà de “I complessi, la musica, il laboratorio”) e poi giovedì 5 novembre Daniele Falasca (“Dalla fisarmonica all’Accademia”)

Siamo felicissimi di inserire nell’ambito dei nostri dibattiti – spiegano i responsabili della Cerchi Concentrici Promotor – un argomento sempre attuale come quello musicale. Ancora tanti giovani continuano a suonare: poter sentire le testimonianze di chi tanti anni fa si mise in cammino in questo specifico ambito può essere un momento di confronto e di accrescimento.

Notaresco in festa: Nanco e il concerto evento

Nino Nanco

Le foto con i fans, la tensione prima del concerto e tanta grinta pronta ad esplodere: Nino Nanco questa volta gioca in casa. È un cantautore, un musicista e un talento oramai confermato. Un evento per festeggiare San Gennaro, il santo patrono di Notaresco. Più di mille i presenti al concerto.
Ogni canzone cela un pezzo dell’anima del cantautore, emanando così un arcobaleno di emozioni.
Tanti gli applausi e tante le soddisfazioni per Nanco: un futuro più che roseo lo aspetta, i fans ne sono sicuri. (Arianna Mazzitti)

Online il primo singolo dei Clowns From Other Space

clowns
Il primo singolo/videoclip dei Clowns From Other Space, Eze’s Story, che anticipa l’uscita dell’album “Zeng”, è stato pubblicato ufficialmente sulla pagina Facebook e You Tube della band. Ottimo il riscontro del pubblico con circa duemila visualizzazioni nelle sole prime venti ore dal rilascio.
 Il video è un vero e proprio cortometraggio d’animazione in stop-motion realizzato totalmente a mano da Graziano Di Crescenzo e Gianluca Locicero, che hanno curato anche la sceneggiatura, la fotografia ed il montaggio

Venerdì 24 luglio ore 20,30 ci sarà “Dimarcolor Color People Festival”

CMYK baseIl 24 luglio, alle ore 20:30, terza edizione per questo appuntamento con la musica del periodo d’oro dell’Italia, quello del boom economico. Nel sottotitolo della manifestazione si legge “I colori degli anni ’60”, ovviamente un pretesto per portare in scena la mitica musica di una decade che ancora fa breccia, soprattutto nel periodo estivo. Dimarcolor Color People Festival avrà la location abituale, cioè lungomare centrale, di fronte al Lido La Lucciola. Protagonisti assoluti saranno il gruppo che di quella musica sono dei veri paladini. Parliamo di Accessori Anni Sessanta che sciorineranno tanti bravi, alcuni dei quali del tutto inediti al loro abituale repertorio. Sul palco ci sarà anche il chitarrista che sta facendosi conoscere sempre di più, anche a livello nazionale, vale a dire Antonio Di Gabriele, che rispolvererà per l’occasione i grandi Beatles. Appuntamento, quindi, per venerdì 24 luglio, con tanta musica e… altrettanti colori.

Il 2° FESTIVAL POLIFONICO INTERNAZIONALE “LIDO DELLE ROSE”

festival corale Internazionale Vasto 2014Il 2° FESTIVAL POLIFONICO INTERNAZIONALE “LIDO DELLE ROSE”
giunge al suo terzo appuntamento con due serate dedicate ai cori francesi.
In collaborazione con il FESTIVAL CORALE INTERNAZIONALE CITTA’ DEL VASTO, organizzato dal Coro Polifonico Histonium, l’Ars Vocalis di Roseto degli Abruzzi, diretto dal M° Carmine Leonzi, ospiterà i cori di Grenoble e Marsiglia, rispettivamente il 24 e 25 ottobre 2014, presso la chiesa Santa Teresa di Calcutta (Voltarrosto di Roseto) alle ore 21.00. in entrambe le serate si esibirà anche il coro rosetano.

Il chitarrista rosetano Antonio Di Gabriele stravotato allo show di Canale 5

Antonio Di Gabriele I giudici del programmaChe avesse talento da vendere era risaputo da tutti coloro che in questi ultimi due anni lo hanno seguito in diverse sue esibizioni. Il musicista di Montepagano ha sbaragliato la concorrenza nel programma di Canale 5, rete regina Mediaset, dal titolo “Tú sí che vales”, partito sabato 4 ottobre scorso e che è stato il più visto del fine settimana. Di Gabriele si è esibito in quello che è il suo forte, mettendo in campo la tecnica del “fingerstyle”, che gli permette di avere un suono pieno con il suo strumento. In pratica la chitarra solista, quella di accompagnamento, le percussioni sono un tutt’uno e ne viene fuori una completezza armonica che colpisce subito lo spettatore. L’abilità di Antonio negli ultimi anni è migliorata e oggi si può dire che è sicuramente uno dei più talentuosi artisti in campo regionale. Il musicista paganese si è esibito prima con dei brani dei Dire Straits, poi ha accennato a qualcosa dei Bee Gees e il pubblico gli ha decretato un lungo applauso con il 96% di preferenze, secondo piazzamento della serata. Apprezzamenti anche dai giudici ufficiali, cioè Gerry Scotti, Maria De Filippi e Rudy Zerbi, con l’aggiunta di un quarto osservatore speciale che rispondeva al nome di Francesco Totti. Adesso i rosetani aspetteranno le semifinali e il tifo sarà tutto per il nostro Antonio Di Gabriele.

Gli Escatoy a Montepagano 16 anni dopo

Gli Escatoy 1ROSETO – Sono passati quasi sedici anni dall’ultima esibizione a Montepagano del gruppo musicale locale degli Escatoy. Il sestetto tornerà ad esibirsi davanti ai propri amici in occasione della serata conclusiva del “Rinascimento Paganese e Rosetano”, domenica 14 settembre. La band si esibirà in piazza a partire dalle ore 21. Gli Escatoy sono composti da gruppo di amici di Montepagano nati musicalmente alla fine degli anni ’60, e che ancora oggi suonano assieme.

Questi i nomi dei componenti del gruppo: alla batteria Rocco Della Loggia, alla chitarra ritmica Antonio Esposito, alla chitarra solista Vincenzo Pergallini, al basso Domenico Di Giannatale, alle tastiere e voce Mauro Marinelli, voce solista Gabriella Parisciani.

La loro ultima esibizione a Montepagano risale al 1998, esattamente alla serata dell’11 dicembre, dedicata al cantautore Lucio Battisti, all’interno del ristorante Pagus.

Nella loro scaletta sono stati inseriti brani italiani e stranieri che rispondono ai nomi di Procol Harum, Nomadi, Creedence, Camaleonti, PFM, Alunni del Sole, George Harrison, Battisti e tanti altri. Presenta la serata il giornalista Luciano Di Giulio.

Festival Internazionale della Chitarra a L’Aquila dall’1 all’11 settembre

maxresdefault-150x150L’AQUILA – Giunge alla ventunesima edizione il Festival Internazionale della Chitarra, promosso da Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”, dall’Associazione Chitarristica Aquilana e dall’Associazione Festival Internazionale della Chitarra. Quattro appuntamenti di rilievo, ciascuno con una sua precisa identità, dal 1 al 11 settembre presso l’Auditorium del Parco, tutti con inizio alle ore 21.
Dopo quello del 1 settembre, gli altri appuntamenti del Festival prevedono recital chitarristici, con l’aquilana Barbara Teti (3 settembre), e i colossi della chitarra: Carlos Bonell (7 settembre) per un programma da Bach ai Beatles, e Saša Dejanović (11 settembre) per l’esecuzione delle celebri Suites dei più grandi autori del repertorio chitarristico.

Tony Esposito e Stelvio Cipriani a Giulianova il 30 ed il 31 agosto

Tony-Esposito-150x150IULIANOVA – La Casa Maria Immacolata, in via Gramsci 59 a Giulianova Alta, torna ad ospitare due importanti appuntamenti musicali, entrambi ad ingresso gratuito, organizzati dall’Assessorato alla Cultura e Manifestazioni.

Sabato 30 agosto, alle ore 21, concerto di Tony Esposito e La banda del Sole: special guest Mark Kostabi.

Il notissimo percussionista napoletano proporrà, insieme con un folto gruppo di polistrumentisti, un viaggio attraverso i ritmi e le sonorità del Mediterraneo, dall’Africa ai Balcani, per un’indimenticabile serata di jazz. Esposito, che artisticamente è anche pittore, porterà alcune scenografie dipinte da lui in collaborazione con il famoso pittore americano Mark Kostabi.

Domenica 31 agosto, sempre alle ore 21, spazio al concerto di Stelvio Cipriani.

Cipriani, dopo essere stato accompagnatore pianista per cantanti (Rita Pavone), si trasferisce per breve tempo negli USA per studi sul jazz. E’ il compositore, in Italia, più richiesto negli anni ’70. Da questo momento Cipriani compone musica per polizieschi all’italiana, western e si mette in luce per alcuni accompagnamenti a film-horror facendo ricorso, in taluni casi, all’elettronica. Dagli anni ’90 in poi si dedica quasi esclusivamente alla

Stelvio Cipriani
Stelvio Cipriani

televisione.