Francesca Mancini 1_532x600CHIETI – La designer abruzzese sarà protagonista il 4 febbraio, a Salisburgo, in Austria, nella vetrina internazionale più prestigiosa per i progetti sulla sostenibilità ambientale. Il suo prototipo per il riutilizzo domestico delle acque è in finale.

Da Chieti a Londra, ed ora è tra le persone più creative e con orientamento “green”, secondo l’Energy Globe Award, il premio che assegna riconoscimenti ai progetti di sostenibilità ambientale con maggiore rilevanza internazionale.

Francesca Manicini è stata selezionata come finalista e presenterà il suo progetto il 4 febbraio a Salisburgo nel Premio Ambientale più famoso al mondo. A conquistare la giuria un prototipo di uso domenstico, con una estrema faciltià di costruzione, per il riutilizzo della acque grigie della doccia e del lavandino che vanno poi a ricaricare il wc.

L’Energy Globe Award, per l’edizione 2013, ha dovuto selezionare tra più di 1.000 proposte, pervenute in rappresentanza di ben 161 nazioni. Cinque le categorie: Terra, Fuoco, Acqua, Aria e Giovani. Tre i finalisti per ciascuna categoria. Francesca Mancini è finalista per la Gran Bretagna per la categoria Acqua.

Le origini, però, sono decisamente teatine, Francesca, vive a Londra da 10 anni ed opera e nel settore del design ed ha già partecipato a numerosi concorsi internazionali. È laureata in Furniture and Product Design presso la scuola di design della London Metropolitan University.

Insieme con Fabrizio Sanità di Toppi, restauratore di mobili, anche lui teatino, realizzano i loro prototipi e pezzi finiti presso il loro studio di Londra, l’FMD Design Studio in Hackney.

La cerimonia di premiazione si potrà vedere in diretta streaming su: www.energyglobe.info/world2013 e verrà trasmessa in Austria su ORF III.

 

 

 

The following two tabs change content below.