vigili-del-fuoco_320x179PESCARA – Una perdita di gas, probabilmente da una bombola. Sarebbe stata questa la causa all’origine della deflagrazione  che ieri mattina ha provocato un incendio in una mansarda di una palazzina di via Emilia a Montesilvano. All’interno dell’appartamento c’era un 34enne romeno che ha riportato ustioni al volto e su altre parti del corpo. Soccorso dal personale del 118 di Pescara, è stato trasferito in elicottero al centro grandi ustionati dell’ospedale Bufalini di Cesena. Non è chiaro al momento cosa abbia originato la deflagrazione. Le fiamme si sono propagate rapidamente a tutto l’appartamento. L’intera palazzina di tre piani è stata dichiarata inagibile. Gli inquilini dell’edificio riferiscono di un boato seguito da fiamme e fumo. Il 34enne, stando alle testimonianze, sarebbe uscito da solo dall’abitazione, prima dell’arrivo dei soccorsi. Per le operazioni di spegnimento e per quelle di messa in sicurezza, sono state impiegate due squadre ed un’autoscala dei Vigili del fuoco del Comando provinciale di Pescara, un’autoscala arrivata da Chieti ed una squadra dei vigili del distaccamento di Montesilvano. Ad occuparsi degli accertamenti i sono invece occupati i Carabinieri della locale Compagnia, agli ordini del tenente Christian Petruzzella. Sul posto anche la Polizia municipale.

The following two tabs change content below.